top of page

Intimi racconti di un Accompagnamento Olistico
delle Donne di CasaMamma

Lidia, mamma di Margherita

Una delle strade più belle scelte nella mia vita … il tuo percorso

Ilaria, mamma di Lucia
VBAC

… anch’io primo parto traumatico ma con l’aiuto di Elisabetta ho preso consapevolezza della mia potenza, del fatto che io e la mia bambina non avevamo bisogno di nient’altro se non di saperci ascoltare, io soprattutto, di fidarmi di me. Ho partorito ed è stato un grande riscatto, mi sono sentita davvero orgogliosa di me e di noi.

Laura, mamma di Cecilia
VBAC

Scrivo sull’onda dell’emotività di questa strana giornata di fine estate. Stavo per farlo giorni fa, per ringraziarvi del percorso fatto insieme e perché sentivo di dovervi raccontare molte cose…poi una serie di eventi inaspettati mi ha fatto desistere dall’intento. Ora è con una energia nuova e intensa che mi affaccio a questa pagina, sono a fine gravidanza, sto aspettando che il mio piccolo decida quando farsi avanti. Aspetto con serenità e questa per me nuova voglia di vedere il suo visino e la
sua testina che negli ultimi giorni ha voluto darmi indicazioni forti. 39 settimane e il mio bimbo, cefalico da circa un mese, decide di girarsi. Visita medica e programma di ricovero per lunedì (40 sett), cesareo già deciso. Il medico mi lascia 2 ulteriori giorni per vedere se questa creatura decide di cambiare nuovamente idea. 2 giorni di delusione e amarezza, perché avevo investito energie ed emozioni in un percorso di consapevolezza e crescita intima e personale che mi aveva messo molte
volte in discussione, e tutto sembrava essere stato vano. Il mio intento di affrontare con nuova gioia e pienezza questo terzo travaglio sembrava venir meno rispetto alla volontà e alle sensazioni del bimbo. Sembrava che il mio bimbo mi volesse far capire che non tutto è nelle nostre mani, che anche lui ha la sua da dire. Mi sono resa conto pienamente in questi 2 giorni che questo viaggio non è solo mio, che non posso pretendere di essere io a prendere in modo solitario le mie decisioni, che la piccola vita che sta per nascere ha già un potere immenso. 2 giorni di tentativi di
comunicazione con il mio bimbo, di visualizzazioni, di atti di convincimento. Ho letto e ascoltato molto su questi temi durante la gravidanza, ma finché non ho vissuto sulla mia pelle questa esperienza non ho potuto capire davvero. Ho avuto momenti in cui volevo mollare, mi dicevo che avrei dovuto ascoltare quelle persone (tante) che mi dicevano che un cesareo non è una cosa grave,
che l’importante è che il bimbo sia sano, che va bene voler fare un parto naturale ma non in queste condizioni. Ho tentato di fare mia questa idea, ma sono troppo testona. E allora, ora che si è girato nuovamente e che al momento il cesareo è tornato ad essere un pensiero lontano, sento il bisogno di ringraziare Elisabetta e Silvia per il percorso fatto insieme, per il lavoro che fanno con le mamme, per metterci l’anima (oltre al tempo e alle energie) in questo loro progetto.
La mente ha un potere straordinario, ne sono ancora più convinta dopo questa esperienza. Adesso aspetto di vedere come finirà questo viaggio, sicuramente l’energia e la positività che mi sento addosso mi aiuteranno ad affrontare qualsiasi situazione. E’ questo che dovevo imparare, ci ho messo un po’ di tempo ma ce l’ho fatta.”

Elena, mamma di Andrea Teresa

“E’ stato un bellissimo e stimolante percorso personale, vivere con serenità e gioia il parto e il dopo parto non ha prezzo per me, mi rende felice e consapevole della crescita personale che ho fatto. La voglia e il desiderio di mettermi in discussione e di vivere questa nascita in modo diverso c’erano, il modo e gli strumenti per realizzarlo li ho trovati a CasaMamma.”

Silvia, mamma di Giulio

“Che esperienza incredibile …Mi sono resa conto che tutta la preparazione avuta ha contribuito a renderla tale … doloroso certo, ma un parto intimo especiale come volevo…grazie per tutto … Credo che le mamme che non conoscono questa “realtà” si perdano molto di quello che una nascita può regalare …”

Tamara, mamma di Jaden
VBAC

“Senza di voi il mio cammino non sarebbe andato così. CasaMamma è vicina e aiuta tantissimo le sue mamme. Avete una media altissima di successo… vbac, vb2ac e hbac!!!! Chi doveva affrontare queste grandi prove ce l’ha fatta!”

Giulia, mamma di Zoe
HBAC

“CasaMamma mi ha aiutata a tirar fuori il coraggio, a liberarmi dalle paure e le delusioni legate al passato, A riacquistare fiducia nel mio corpo ed avermi indicato la via per dare alla luce in modo
consapevole, gentile ed umano. Ho finalmente scelto “ciò che mi fa stare bene”. Non avrei mai creduto di poterlo dire … ora vorrei urlare: “io so partorire!… e il mio parto è stata un’esperienza
meravigliosa…”

Francesca, mamma di Agata

“Ieri sono tornata a Casa Mamma con Agata e senza pancia. Devo dire che quando ho parcheggiato e ho guardato l’ingresso ho avuto una calda sensazione di familiarità per quel luogo in cui tanto si è parlato di travaglio, parto, figli, maternità, emozioni, gioie e paure. E tornare dopo
l’esperienza della nascita mi ha fatto rendere più profondamente conto (se mai ce ne fosse stato bisogno) di quanto questi incontri sono stati fondamentali per avere il parto rispettoso e sereno che
ho avuto. Tornare con la mia piccola è stato come chiudere un bellissimo e ampissimo cerchio di crescita personale. Grazie a Elisabetta e Silvia. Grazie alle mie compagne di viaggio.

Silvia, mamma di Demetra

“Penso che per me non è stato portare alla luce. Il verbo portare è inadeguato e riduttivo perché nel viaggio meraviglioso che chiamiamo parto anche noi donne ritroviamo finalmente la nostra
parte divina, il nostro essere animali selvaggi e la nostra essenza si fa chiara come mai prima. Noi non portiamo ma accompagniamo alla luce, siamo compagni noi e i nostri figli. compagni in pancia, compagni nella strada che ci porta alla luce, compagni per la vita. grazie casa mamma che
mi hai aiutato a capire.”

Silvia, mamma di Jacopo
VBAC e Nascita Arcobaleno

“Ci sono gravidanze che durano 9 mesi, e poi ci sono gravidanze che invece durano 270 giorni, perché ti ritrovi a contare questi, non i mesi, ringraziandoli tutti. Ci sono gravidanze dove corri a fare compere appena scoprì il test positivo, altre in cui le cose le compri solo quando ti danno tuo
figlio in braccio piangente di vita. E ci sono gravidanze dove ogni giorno ha una foto ricordo, altre invece in cui le poche foto che fai sono scattate con il dito che trema perché non sai con quali emozioni le guarderai un giorno. Poi però riesci ad arrivare alla fine, a dare vita al tuo miracolo. Un miracolo che non riempie quel vuoto ma che rende tuo figlio ancora più speciale. Perché è quel

l’equilibrio che cercavi da anni. E il mio bimbo arcobaleno non poteva che nascere sotto il segno della bilancia, nel mese della consapevolezza sul lutto perinatale.”

Sara, mamma di Alice

“Riflettevo su questo cerchio di donne…di come ogni donna sia cerchio, tonda, ciclica come la vita…ieri eravamo io, Anita e Laura ad attendere con amore le nostre creature, oggi tocca ad altre donne creare vita nel loro grembo…domani toccherà alle nostre figlie…tutte legate allo stesso filo,
accomunate dalla stessa ragion d’essere…i nostri corpi come nobile mezzo a servizio della Vita che in noi si perpetua…”

Laura, mamma di Gaia

“Il parto di Gaia lo rifarei anche domani… la gioia nel dolore con tutta la consapevolezza di ciò che dovevo fare, di ciò che stava accadendo… quando sento che una mamma è in travaglio dico sempre ” beata lei…come vorrei essere al posto suo!” Ero talmente centrata che in quella stanza
c’eravamo solo io e Gaia che insieme stavamo nascendo! Emozione, Potenza, Amore.”

Lidia, mamma di Margherita

“Onorata della possibilità che mi ha presentato il destino e fortunatamente non me la sono fatta scappare . Donne dal diverso bagaglio di vita ed esperienza unite dalla volontà di creare e donare vita, lottando e impegnandosi a denti stretti, unite dal sostegno reciproco. Una squadra vincente…

dai coach ai giocatori!”

Sara, mamma di Alice
VBAC

“Ho paura: la mia mente mi mente.
Mi dice: non te lo meriti. Allora ho paura dei giudizi. Ho paura della salute.
Ho paura dell’energia. della positività. Ho paura di ciò che posso fare da sola. Perché da sola sono indipendente. Da sola sono adulta. Da sola sono sola. Io, tuttavia, mi merito questa sana solitudine, questo vertiginoso contatto con Me. Divento forte, potente e creativa. Un Essere in relazione con l
Universo. L universo mi solleva, mi conduce, mi ama. Io sento l Amore e so che non sono sola, ma una parte del tutto. Sciolgo le mie paure. Ne faccio granelli e suoni. I nodi si sciolgono sotto la pioggia. Mi perdo come una goccia in un mare dolce di Amore. Benvenuta Alice.

Buona Vita.
la tua Mamma.”

Caterina, mamma di Rachele
VBAC

“….ogni giorno che siamo insieme e soprattutto nel momento più nostro, dove tu dimostri tutta la tua forza e con voracità succhi la ninfa dal mio seno e io fissando i tuoi occhi mi ritrovo nel gioco sregolato della vita …ogni giorno ringrazio di averti incontrata e sorrido se penso ancora al come…
E provo Gratitudine per come hai sostenuto me e il cerchio di donne….
Per aver creduto sempre nella forza di ognuna e nella divinità del nostro grembo…
Per aver rispettato le scelte di ognuna riguardo alle modalità della scelta del parto (medicalizzato o a casa) o entrambi….
Per la profonda capacità di percepire le singole difficoltà e le innumerevoli potenzialità di noi mamme, neo-mamme e FEMMINE
Per il tuo saper fiutare i nostri stati d’animo…
Perché il cerchio non era uno schierarsi per il SI o il NO rispetto a delle scelte ma, un modo intelligente di confronto IN-FORMANDO con consapevolezza e idee, studi, numeri sempre aggiornati e riportate in modo neutrale…sostenendo una filosofia più naturale possibile comunque.
Per non averci mai fatto sentire in colpa rispetto ad alcuni pensieri divergenti…”

Francesca, mamma di Adele

“Un percorso da vivere a pieno. Mi ha donato consapevolezza e valori che mi accompagneranno per sempre. Grazie a CasaMamma ho riscoperto l’essere DONNA in tutta la sua creatività ed energia… e poi un cerchio di donne che si ritrovano a condividere momenti di vita ed emozioni ti
fa sentire ascoltata e accolta. Grazie Elisabetta, grazie CasaMamma.”

Manuela, mamma di Nicole

“Un percorso più unico che raro, una visione olistica della donna, della madre e della gravidanza …Elisabetta è una professionista fantastica, sono davvero felice che il destino mi abbia portato a lei…

quando entri nel mondo di Casamamma non ne esci più.”

Silvia, mamma di Gioele

“Un percorso che ti prepara ad essere “pronta” ad accogliere la vita e ad assaporare la meraviglia del parto.”

Francesca, mamma di Adele

“Ho pensato tanto a cosa poterti scrivere in questi gg per ringrazia arti di questo percorso, ma non ho trovato le parole giuste … è stato un percorso forte, magico, in grado di risvegliare in tutte noi la donna consapevole che spesso è dormiente.

Mi è piaciuto tanto, sei stata davvero una guida.”

Francesca, mamma di Adele e Alba

Volevo condividere con te un sentimento che viene dal cuore. Partorire è un dono stupendo, un'esperienza talmente carica di significato energia e potenza che è un dono che tutte le donne dovrebbero aver il diritto di vivere in prima persona e con consapevolezza. Partorire si fa male, ma è un male fisico, la tua anima in quel momento sta danzando. Partorire Adele mi ha fatto diventare donna, mi ha donato una consapevolezza che prima io sono sicura che non avevo. Chissà questa volta che sorprese mi riserverà. In questi giorni sto vivendo proprio una scissione: da una parte non vedo l’ora di
conoscere Alba, ma dall’altra non voglio lasciar andare tutta questa magia.. Ma in ogni caso so che 
quando il tutto partirà sarò pronta e sarà magia. Tutto questo per dirti grazie, perché Casamamma mi ha aperto un mondo.”

Alice, mamma di Ambra

“A CasaMamma ci si sente “A casa”. CasaMamma è
accoglienza…condivisione…rilassamento…amicizia. Mi ha aperto un mondo che ovviamente non conoscevo e mi ha dato conoscenze, amicizie, messa in discussione…condivisione di opinioni e sentimenti.”

Ross, mamma di Adriano Ernesto

“… il mio non è un parto mistico e poetico come alcuni che ho letto, probabilmente in ospedale non è possibile che accada, però ho fatto tutto io, da sola e i cambiamenti che ho avuto come persona in seguito a questo evento li sento ogni giorno, ancora adesso, è cambiata la mia
percezione di molte cose, della vita…ma questa è un’altra storia. Grazie a CasaMamma per aver trasformato la gravidanza in un percorso di consapevolezza e ricerca interiore fondamentale.“

Elisa, mamma di Agata

Abbiamo bisogno di nascere bene!

Il percorso con te mi ha portato ad accogliere Agata con consapevolezza e gioia e avrei fatto altri dieci

 parti così! Alla faccia del brutto ricordo.

Il percorso ha anche messo in luce le mie difficoltà comunicative con il papà (e forse col maschile  in generale) sulle quali ho ancora tanto da lavorare e sono proprio contenta di quanto vissuto e scoperchiato assieme!

Giulia, mamma di Marla

“Terza gravidanza.

Avevo alle spalle due corsi preparto fatti in ospedale e cercavo qualcosa di diverso. Qualcosa che mi desse veramente il tempo e lo spazio per concentrarmi su quella nuova vita in arrivo, per poterla accogliere con le giuste energie.

La ricerca non è stata proprio veloce, trovavo solo corsi che mi pareva mi avrebbero dato informazioni superflue o che non mi sarebbero veramente tornate utili. Forse non stavo cercando informazioni, stavo cercando esperienze.

Poi mi sono imbattuta in Elisabetta e in CasaMamma.

Abbiamo parlato un pochino al telefono: in realtà la telefonata non mi aveva chiarito le idee su quello che poi avremmo fatto, ma c'era qualcosa che mi diceva che avevo trovato il percorso giusto per me, per noi.

E avevo ragione.

Sarebbe superfluo raccontare nel dettaglio che cosa abbiamo fatto, ma una cosa la posso dire: ho vissuto un'esperienza arricchente che mi ha fatto riscoprire la potenza del cerchio e, allo stesso tempo, della mia personale creatività, che era stata un po' offuscata nell'ultimo periodo e che grazie alla giusta conduzione e per il tramite della gravidanza, ha avuto modo di

ri-sbocciare.

Abbiamo condiviso, pianto, riso, ci siamo raccontate e abbiamo imparato nuove tecniche per eliminare i nostri blocchi e fare fluire le nostre potenzialità.

Sono arrivata al parto serena, consapevole di ciò che potevo mettere in campo durante quella avventura e pronta a viverla a pieno.

E poi la storia continua...

Oggi. Quarta gravidanza. Che dici, Elisabetta, si ricomincia?

bottom of page